Registratore di cassa di mercurio

In vitro (fertilizzazione in vitro è spesso l'ultima risorsa per le coppie che fanno domanda per un bambino. È un processo duraturo e stressante, ma molte coppie fortunate possono, grazie a questa forma, occuparsi della prole desiderabile, anche quando le nuove forme si sono rivelate inaffidabili. Il trattamento conta sulla connessione dello sperma con l'ovulo in condizioni di laboratorio, al di fuori del corpo della donna.

Le indicazioni nel mezzo possono essere corrette sia sul lato del partner (parametri ridotti dello sperma che sull'amico (ostruzione delle tube di Falloppio, incapacità di ovulare. Un'indicazione frequente per la fecondazione in vitro è l'infertilità idiopatica, le cui cause sono sconosciute. È necessario indurre il paziente a eseguire una serie di test di laboratorio e un partner per lo sperma prima di eseguire in vitro. Successivamente, i futuri genitori devono esprimere le loro conoscenze per iscritto per portare a termine la procedura. La forma successiva è la stimolazione ormonale (farmacologica della donna, nel progetto di aumentare il numero di ovociti maturi. I farmaci e il loro dosaggio sono determinati individualmente dallo specialista, insieme ai successi degli esami precedenti del paziente. Il prossimo periodo consiste nel prendere le cellule uovo della donna nel titolo indicato dal medico. La procedura viene eseguita in anestesia generale ed è di alcuni minuti. Consiste nel forare vescicole visibili in entrambe le ovaie, nel punto di raccolta del liquido follicolare contenente ovociti. Allo stesso tempo, il partner del paziente comunica alla fine dello sperma (è necessario preservare l'astinenza sessuale per diversi giorni prima dell'intervento. Il secondo livello è la combinazione di cellule uovo raccolte con lo sperma in condizioni di laboratorio. Gli embrioni risultanti sono nascosti nell'incubatrice, dove ci sono ottime ragioni per la loro crescita. Dopo alcuni giorni, vengono applicati all'utero del paziente utilizzando un catetere sottile. Questa volta il metodo non è doloroso, quindi non richiede l'anestesia. Dopo il trasferimento dell'embrione, il paziente deve ridurre l'attività fisica (è necessaria l'astinenza temporanea e migliorare il suo stile di vita. Dopo una dozzina di giorni, deve presentarsi alla clinica per coprire la gravidanza biochimica. Nella quinta settimana dopo l'intervento è indicato un ecografia che conferma la gravidanza. In caso di fallimento, è possibile ripetere la procedura utilizzando embrioni di riserva già pronti. Secondo le ultime ricerche, l'efficacia in vitro è intorno al 40%. Questo metodo è sempre un vantaggio per le coppie infruttuose che cercano un bambino.